Claudio Di Mari presenta la sua Accademia di Alta Moda | HASHTAG SICILIA

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Phil


Uno spettacolo nello spettacolo, quello che si è svolto domenica sera al Museo Diocesano di Catania, dove lo stilista Claudio Di Mari ha presentato la sua nuova Accademia di Alta Moda. Alla presenza degli alunni - che inizieranno i corsi giorno 5 ottobre – e dei partner commerciali, Di Mari ha presentato lo staff di professori che guideranno l’Accademia. Santi Scatà, professore di design della moda, Silvana Matarazzo insegnerà l’armocromia, Filadelfio Templa, invece si occuperà della sezione graphic design, mentre Emanuela Prato sarà la responsabile della sezione brand design della moda. Tra i partner commerciali presenti all’evento c’erano il giovane imprenditore di gioielleria di lusso Salvo BelfioreGiuseppe Grasso per Comer Sud, l’hairstylist Giovanni Ventura e la dottoressa Ylenia Bevelacqua e Mauro Valente per FillMed. Attenzione anche al food and beverage con le aziende Amaro Lumìa e Juice and Food. “Catania città d’arte, di tradizioni e di straordinaria bellezza è anche uno splendido centro dove coltivare talenti, – commenta Di Mari – talenti che altrimenti avrebbero dovuto andare fuori dalla Sicilia per seguire corsi come i nostri. E, invece, noi siamo già riusciti in una piccola impresa: attrarre giovani provenienti da altre regioni”. Di Mari punta tutto sui giovani e sulla sua città d’origine, e dopo aver vestito le più belle spose d’Italia adesso investe sulla formazione di alta moda sartoriale.


Lo stilista catanese, in un momento così difficile per il nostro paese e per l’economia globale, ha deciso di gettare il cuore oltre l’ostacolo e creare quello che in Sicilia ancora manca, una delle pochissime scuole tecniche presenti nel Sud Italia. L’edificio si trova in via Musumeci, a pochi passi da piazza Trento e dal Corso Italia e al suo interno c’è uno styling lab, una biblioteca, spazi interni flessibili, aule e aree dedicate al relax e alla comunicazione. Ad affiancare Di Mari, ci saranno degli straordinari professionisti del settore (non solo siciliani). “Sono felice di poter creare nella mia terra questa nuova realtà, scegliendo di non spostarmi nelle città famose per la moda (dove tra l’altro sarebbe anche più facile fare impresa). È rischioso, ma allo stesso tempo mi entusiasma perché il voler osare mi ha sempre portato fortuna in tutta la mia carriera. Obiettivo: creare una nuova generazione dei talenti a sostegno del made in Italy”. E dopo la presentazione, la festa si è spostata in terratta con una vista mozzafiato su Catania e sui suoi monumenti. Il sassofonista Daniele Vitale, artista internazionale che con i suoi 3 milioni di followers, uno dei Saxman più famosi e apprezzati in tutto il mondo, ha intrattenuto il pubblico di influencers, talent, blogger e giornalisti. A lui si è unito il quartetto Rondò, formato da bravissime violiniste catanesi che hanno accompagnato lo spettacolo di danza acrobatica. Tra i talent nazionali, la modella e influencer Federica Calemme e il blogger e fotografo Filippo Fattoruso.





Inaugurata l’Accademia Alta Moda dello stilista catanese Claudio Di mari | L'Urlo


Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Phil.



Uno spettacolo nello spettacolo, quello che si è svolto domenica sera al Museo Diocesano di Catania, dove lo stilista Claudio Di Mari ha presentato la sua nuova Accademia di Alta Moda. Alla presenza degli alunni - che inizieranno i corsi giorno 5 ottobre – e dei partner commerciali, Di Mari ha presentato lo staff di professori che guideranno l’Accademia. Santi Scatà, professore di design della moda, Silvana Matarazzo insegnerà l’armocromia, Filadelfio Templa, invece si occuperà della sezione graphic design, mentre Emanuela Prato sarà la responsabile della sezione brand design della moda. Tra i partner commerciali presenti all’evento c’erano il giovane imprenditore di gioielleria di lusso Salvo BelfioreGiuseppe Grasso per Comer Sud, l’hairstylist Giovanni Ventura e la dottoressa Ylenia Bevelacqua e Mauro Valente per FillMed. Attenzione anche al food and beverage con le aziende Amaro Lumìa e Juice and Food. “Catania città d’arte, di tradizioni e di straordinaria bellezza è anche uno splendido centro dove coltivare talenti, – commenta Di Mari – talenti che altrimenti avrebbero dovuto andare fuori dalla Sicilia per seguire corsi come i nostri. E, invece, noi siamo già riusciti in una piccola impresa: attrarre giovani provenienti da altre regioni”. Di Mari punta tutto sui giovani e sulla sua città d’origine, e dopo aver vestito le più belle spose d’Italia adesso investe sulla formazione di alta moda sartoriale.



Lo stilista catanese, in un momento così difficile per il nostro paese e per l’economia globale, ha deciso di gettare il cuore oltre l’ostacolo e creare quello che in Sicilia ancora manca, una delle pochissime scuole tecniche presenti nel Sud Italia. L’edificio si trova in via Musumeci, a pochi passi da piazza Trento e dal Corso Italia e al suo interno c’è uno styling lab, una biblioteca, spazi interni flessibili, aule e aree dedicate al relax e alla comunicazione. Ad affiancare Di Mari, ci saranno degli straordinari professionisti del settore (non solo siciliani). “Sono felice di poter creare nella mia terra questa nuova realtà, scegliendo di non spostarmi nelle città famose per la moda (dove tra l’altro sarebbe anche più facile fare impresa). È rischioso, ma allo stesso tempo mi entusiasma perché il voler osare mi ha sempre portato fortuna in tutta la mia carriera. Obiettivo: creare una nuova generazione dei talenti a sostegno del made in Italy”. E dopo la presentazione, la festa si è spostata in terratta con una vista mozzafiato su Catania e sui suoi monumenti. Il sassofonista Daniele Vitale, artista internazionale che con i suoi 3 milioni di followers, uno dei Saxman più famosi e apprezzati in tutto il mondo, ha intrattenuto il pubblico di influencers, talent, blogger e giornalisti. A lui si è unito il quartetto Rondò, formato da bravissime violiniste catanesi che hanno accompagnato lo spettacolo di danza acrobatica. Tra i talent nazionali, la modella e influencer Federica Calemme e il blogger e fotografo Filippo Fattoruso.




 

Claudio Di Mari presenta la sua Accademia di Alta Moda | CATANIA TODAY

 
Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Phil



Uno spettacolo nello spettacolo, quello che si è svolto domenica sera al Museo Diocesano di Catania, dove lo stilista Claudio Di Mari ha presentato la sua nuova Accademia di Alta Moda. Alla presenza degli alunni - che inizieranno i corsi giorno 5 ottobre – e dei partner commerciali, Di Mari ha presentato lo staff di professori che guideranno l’Accademia. Santi Scatà, professore di design della moda, Silvana Matarazzo insegnerà l’armocromia, Filadelfio Templa, invece si occuperà della sezione graphic design, mentre Emanuela Prato sarà la responsabile della sezione brand design della moda. Tra i partner commerciali presenti all’evento c’erano il giovane imprenditore di gioielleria di lusso Salvo Belfiore, Giuseppe Grasso per Comer Sud, l’hairstylist Giovanni Ventura e la dottoressa Ylenia Bevelacqua e Mauro Valente per FillMed. Attenzione anche al food and beverage con le aziende Amaro Lumìa e Juice and Food. “Catania città d’arte, di tradizioni e di straordinaria bellezza è anche uno splendido centro dove coltivare talenti, – commenta Di Mari – talenti che altrimenti avrebbero dovuto andare fuori dalla Sicilia per seguire corsi come i nostri. E, invece, noi siamo già riusciti in una piccola impresa: attrarre giovani provenienti da altre regioni”. Di Mari punta tutto sui giovani e sulla sua città d’origine, e dopo aver vestito le più belle spose d’Italia adesso investe sulla formazione di alta moda sartoriale.



Lo stilista catanese, in un momento così difficile per il nostro paese e per l’economia globale, ha deciso di gettare il cuore oltre l’ostacolo e creare quello che in Sicilia ancora manca, una delle pochissime scuole tecniche presenti nel Sud Italia. L’edificio si trova in via Musumeci, a pochi passi da piazza Trento e dal Corso Italia e al suo interno c’è uno styling lab, una biblioteca, spazi interni flessibili, aule e aree dedicate al relax e alla comunicazione. Ad affiancare Di Mari, ci saranno degli straordinari professionisti del settore (non solo siciliani). “Sono felice di poter creare nella mia terra questa nuova realtà, scegliendo di non spostarmi nelle città famose per la moda (dove tra l’altro sarebbe anche più facile fare impresa). È rischioso, ma allo stesso tempo mi entusiasma perché il voler osare mi ha sempre portato fortuna in tutta la mia carriera. Obiettivo: creare una nuova generazione dei talenti a sostegno del made in Italy”. E dopo la presentazione, la festa si è spostata in terratta con una vista mozzafiato su Catania e sui suoi monumenti. Il sassofonista Daniele Vitale, artista internazionale che con i suoi 3 milioni di followers, uno dei Saxman più famosi e apprezzati in tutto il mondo, ha intrattenuto il pubblico di influencers, talent, blogger e giornalisti. A lui si è unito il quartetto Rondò, formato da bravissime violiniste catanesi che hanno accompagnato lo spettacolo di danza acrobatica. Tra i talent nazionali, la modella e influencer Federica Calemme e il blogger e fotografo Filippo Fattoruso.




Intervista a Federica Calemme e Filippo Fattoruso | REITV

Federica Calemme e Filippo Fattoruso ospiti all'evento di inaugurazione dell'Accademia Alta Moda di Catania firmato Claudio di Mari #PerUnaNuovaGenerazioneDiTalenti



Servizio di Rosaria Rinaudo per ReiTV


Instagram Jewellerry Talk 2020


Dopo il successo degli Instagram Jewellery Talk, ideati e curati dalla consulente di comunicazione Eugenia Gadaleta durante i giorni di lockdown, torna un nuovo ciclo di appuntamenti con gli esperti del settore del gioiello a partire dal prossimo 17 settembre.


Ogni giovedì, alle ore 18:30 sulla pagina Instagram Milano Jewellery Tour, designer di alta gioielleria e gioiello ricerca, curatori di mostre, galleristi, giornalisti e consulenti racconteranno la loro visione del gioiello contemporaneo e daranno utili consigli ai professionisti del settore fashion & luxury. Gli appuntamenti accompagneranno  tutti coloro che vorranno seguire i talk fino all’inizio del 2021.


Tra i numerosi ospiti delle dirette Instagram la consulente del gioiello Donatella Zappieri, la giornalista di Vogue Selene OlivaGigi Mariani, uno dei più importanti maestri del gioiello contemporaneo italiano, il maestro orafo e docente Mirko Dimasi, l’artista orafo di alta gioielleria Davide Maule, la designer Clizia Ornato, l’architetto e designer Eleonora Castagnetta Botta, l’autrice di gioielli d’autore Verde Alfieri, il direttore della scuola LAO Le Arti Orafe di Firenze Giò Carbone, la direttrice della galleria Incinque Open Art Monti di Roma Monica Cecchini, la storica del gioiello e docente Bianca Cappello, l’artista orafo Gianni Misto e la giornalista Ilaria Introzzi.


Link  Instagram Milano Jewellery Tour https://www.instagram.com/milanojewellerytour/?hl=it


Parallelamente, durante i giorni di lockdown, Gadaleta ha ideato il corso online “Comunicazione del Brand e Ufficio Stampa” rivolto in particolare a esperti nel settore del gioiello, con la volontà riempire una lacuna esistente nella formazione di molti designer e orafi e che si propone di offrire strumenti concreti per dare valore alle creazioni made in Italy sui media. Il corso, che si è svolto nel mese di maggio su Skype, in pochi giorni ha registrato il tutto esaurito ed è prevista una nuova edizione con posti limitati per il prossimo ottobre, per info ufficiostampa@gadapress.it.

"WHITE" CONFERMA LE DATE, DAL 24 AL 27 SETTEMBRE


ITALIANO

Special Guest della fiera è VIEN, marchio italiano fondato da Vincenzo Palazzo, che crea un mosaico di stili e suggerimenti incentrati sull'incontro di culture diverse.


WHITE, la fiera sotto l'egida del Comune di Milano e punto di riferimento per le PMI italiane, conferma le date e l'edizione fisica, dal 24 al 27 settembre, nelle sedi del Distretto della Moda di Tortona. Un'edizione arricchita dal digitale, in modo da valorizzare e promuovere principalmente le imprese italiane e i marchi internazionali che hanno scelto di essere Milano.


Per l'edizione di settembre WHITE lo Special Guest è VIEN, marchio lanciato da Vincenzo Palazzo nel 2018. Il designer 32enne di Putignano, con il suo percorso professionale, è l'emblema da manuale di come il Made in Puglia può conquistare i mercati più importanti. Vincenzo, che vive tra Milano e la sua città natale, ha scelto di mantenere l'intera produzione del suo marchio in Puglia, dove fonde i più diversi codici culturali. Il marchio, che Vincenzo definisce "multiculturale e multietnico", ha attirato l'attenzione non solo degli addetti alla moda, ma anche di celebrità come Lady Gaga. Al WHITE Vìen esporrà la sua collezione in un'area speciale, in cui i visitatori potranno scoprire il suo universo di ispirazioni.


Così Massimiliano Bizzi, fondatore di WHITE: «Con questa edizione puntiamo a lanciare un messaggio di coraggio e positività scommettendo su Milano e sulla ripresa economica, che deve partire da qui. Quindi, ritengo fondamentale sostenere le imprese italiane con il progetto WHITE for ITALY. Esorto tutti gli imprenditori a non arrendersi e a mostrare solidarietà a Milano, una città che ci ha dato tanto, e continuerà a farlo ».



ENGLISH
The tradeshow’s Special Guest is VIEN, Italian brand founded by Vincenzo Palazzo, who fashions a patchwork of styles and suggestions focusing on the encounter of different cultures.

WHITE, the trade fair under the aegis of the Municipality of Milan and reference point for the Italian SMEs, confirms the dates and the physical edition, from 24th to 27th September, in the venues of the Tortona Fashion District. An edition enhanced by the digital, so as to make the most of and promote primarily the Italian businesses and the international brands that have chosen to be a Milan. 

For the september edition WHITE SPECIAL GUEST is VIEN, brand launched by Vincenzo Palazzo in 2018. The 32-year-old designer from Putignano, with his professional path, is the textbook emblem of how the Made in Puglia can conquer the most prominent markets. Vincenzo, who lives between Milan and his hometown, has chosen to keep the whole production of his brand in Apulia, where he blends the most diverse cultural codes. The brand, that Vincenzo defines “multi-cultural and multi-ethnic”, has garnered the attention not only of the fashion insiders, but also of celebrities like Lady Gaga. At WHITE Vìen is going to showcase its collection within a special area, in which visitors can discover its universe of inspirations.

So Massimiliano Bizzi, founder of WHITE: «With this edition we aim to launch a message of courage and positivity by betting on Milan and on the economic recovery, which must start from here. Hence, I feel that it is vital to support the Italian businesses with the project WHITE for ITALY. I exhort all the entrepreneurs not to back down and to show solidarity with Milan, a city that has given us so much, and will keep on doing so».

ALL’ISTITUTO SECOLI IL ‘LEARNING BY DOING’ SI ARRICCHISCE DI INNOVAZIONI DIGITALI


La proposta formativa Secoli si arricchisce grazie ad una nuova strategia di gestione della didattica, scaturita sia dal progetto di formazione online sviluppato negli ultimi mesi, che dal confronto attivo con studenti e docenti. Ed è così che l’Istituto ha deciso di proporre per le settimane a venire e per il prossimo anno accademico un’esperienza di formazione blended e un approccio flipped teaching. Con questa nuova filosofia di apprendimento non cambiano né la passione né la qualità del servizio offerto, anzi, l’Istituto dimostra di sapere rispondere in modo puntuale alle richieste di un mercato sempre più attento a preservare le tradizioni artigianali tipiche del made in Italy attraverso una formula contemporanea che guarda alle innovazioni digitali. 

Inoltre, la Secoli rispetta, in questo modo, l’impostazione del suo metodo basato sul ‘learning by doing’: la sola formazione online, infatti, non basta a garantire una preparazione completa ma rappresenta un utile strumento a supporto di quella tradizionale. E nel futuro questa metodologia diventerà la normalità: si potrà scegliere tra corsi di didattica solo in presenza e corsi a didattica mista. 

Le materie tecnico pratiche verranno erogate in modalità ‘blended’: accanto a lezioni nei laboratori, riaperti ufficialmente dall’8 Giugno, si terranno anche lezioni online; la didattica a distanza proseguirà per le materie teoriche e quelle inerenti i software di grafica, CAD e CAD 3D che non necessitano di presenza in aula. 

Molti i nuovi strumenti didattici realizzati in questi mesi e a disposizione degli studenti: sono circa 400 le ore di video tutorial completate e più di un migliaio le lezioni online erogate. Materiali che, unitamente ai libri di testo e alle dispense scolastiche, sono accessibili dalla piattaforma di e- learning per lo studio ed il ripasso on-demand. Grazie ai nuovi dispositivi multimediali, il designer inizia un progetto di flipped teaching assumendo maggiore autonomia e responsabilità mentre l’insegnante è l’esperto che li guida. 

Per completare il programma didattico dei percorsi formativi in corso, il semestre accademico é stato prorogato di 12 settimane, con avvio dei nuovi corsi previsto a Novembre. 

La collaborazione tra Istituto, docenti ed allievi diventa così sempre più sinergica e proficua. I mesi di didattica a distanza hanno rappresentato un’occasione di scambio di opinioni e riflessioni; la Secoli insieme ai suoi docenti è sempre stata a fianco degli studenti ascoltando le loro esigenze non solo di carattere didattico ma anche umane. La formazione è stata garantita e i ragazzi hanno trovato nei loro professori alleati competenti per apprendere metodologie nuove che li porteranno a diventare, in un futuro che si prospetta sempre più digitale, testimoni del ‘made in Italy’: una tradizione fatta non solo di maestria ma anche di ‘cuore’. 


TWINS GOURMET SORRENTO - QUANDO NAPOLI INCONTRA FIRENZE!


Apre il 1 Luglio 2020 l'esclusivo locale di street food nel cuore di Sorrento. Twins Gourmet Street Food è l'incrocio tra Napoli e Firenze. Nasce da due giovani imprenditori Claudia e Ivan che, dopo aver vissuto tra Italia e Francia,  hanno lottato con ardore per coronare il loro sogno: aprire un locale di street food gourmet nella loro città natale; I giovani imprenditori non potevano scegliere un nome migliore da dare a questo locale: Twins, infatti, è il simpatico collegamento ai loro due gioielli più preziosi: Riccardo e Ivan jr. 

Twins Gourmet Street Food Sorrento è il locale che mancava, il menù salato è composto da deliziose schiacciatine realizzate da una segreta ricetta proveniente da Firenze, da farcire con i più gustosi e pregiati salumi fiorentini e verdure freschissime dagli orti della Costiera Sorrentina, per non parlare delle ottime salse hand made


Protagonisti del menù dolce invece, sono senza dubbio le TwinsBomb: fagottini tondi super morbidi e davvero deliziosi quanto "porn" infatti potrete farcirli come più vi aggrada, dai gusti più comuni come la crema al Kinder Bueno® e Nutella® oppure la Crema al Pistacchio e ovviamente non può mancare quella al Limone in puro stile Sorrentino.


Senza dubbio questo è il posto in cui le cose sono buone due volte quindi se Sorrento è nella vostra wishlist, nelle "cose da mangiare" dovrete assolutamente aggiungere Twins Gourmet Sorrento.

Io non voglio svelarvi altro, Ivan, Claudia e i gemellini vi aspettano in Corso Italia, 134 - Sorrento per farvi assaporare gustosi piatti street food!

Buona Luce
Phil



Trattamenti Viso fai da te - Scopri la GUIDA GRATUITA!


La modella e beauty addicted
Felisia Ingenito vuole condividere con voi le sue passioni e la sua visione di “bellezza”, attraverso una sua guida personale e dettagliata che insieme alla redazione di Phil ha deciso di regalarvi!
Nel freebie, con la partecipazione speciale per le ricette, di Yoga & Benessere, sono presenti dei trattamenti fai da te (e non solo) con i semplici prodotti che avete in casa, trattamenti mirati per specifici tipi di pelle e le spiegazioni di come sia possibile migliorare se stessi e la propria pelle attraverso ingredienti 100% naturali!
Una guida rivolta a tutti, utile in nello specifico a chi non sa da dove iniziare ma vuole capirne di più su come coccolare la propria pelle, anche attraverso frasi motivazionali da ripetere come mantra.

Ecco come ottenere il freebie IN REGALO: ⤵️
✅ Condividere il post sul freebie sulla vostra Instagram Stories e taggate @felisia.ingenito e @yoga_benessere.
✅ Commentate sotto il post taggando una o due amiche che sapete possa interessare il contenuto.
✅ Riceverete il freebie tramite messaggio DM, se avete il profilo privato fate uno screenshot e inviatemelo in modo da potervi girare il link del freebie.
Buona skincare e Buona Luce
Phil

A POETRY PER WEEK - #11

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO E 28 SECONDI

Come per ogni settimana arriva il nostro appuntamento con il piccolo salotto letterale di Phil.

“A se stesso” è la poesia di Giacomo Leopardi scelta per questo weekend, appartiene ai cinque canti del ciclo di Aspasia ed è stata pubblicata per la prima volta a Firenze nel 1835.

Il titolo annuncia un soliloquio che, per il suo contenuto mortuario, prende la forma di un’iscrizione tombale. Il soggetto si chiude in se stesso e invita il proprio cuore ad abbandonare la vita, la speranza, i palpiti, a costatare l’insensatezza di tutte le cose e a disprezzare se stesso e il resto del mondo.

Sembra la premessa di un qualcosa di molto triste, ma non è solo questo, ho trovato questa poesia estremamente coinvolgente e l’ho voluta condividere con voi nonostante il tema non sia cosi roseo come quelli che in precedenza abbiamo trattato su questa testata.

Prima di tuffarvi nelle parole di Leopardi, ne approfitto di questo spazio per fare gli Auguri a tutti le mamme che questa Domenica festeggeranno la loro festa.

 Buon weekend e Buona Luce.
Phil


A se stesso
GIACOMO LEOPARDI

Or poserai per sempre,
Stanco mio cor. Perì l'inganno estremo,
Ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
In noi di cari inganni,
Non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
Palpitasti. Non val cosa nessuna
I moti tuoi, nè di sospiri è degna
La terra. Amaro e noia
La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T'acqueta omai. Dispera
L'ultima volta. Al gener nostro il fato
Non donò che il morire. Omai disprezza
Te, la natura, il brutto
Poter che, ascoso, a comun danno impera,
E l'infinita vanità del tutto.

A POETRY PER WEEK - #10

TEMPO DI LETTURA: 2 MINUTI E 54 SECONDI

Come per ogni settimana arriva il nostro appuntamento con il piccolo salotto letterale di Phil.

Il 4 Maggio è sempre più vicino e quindi anche la cosiddetta “Fase 2” della quarantena che ci ha visto protagonisti durante questo particolare periodo storico. Quello che vorrei trasmettere oggi è il messaggio di non sprecare la vita! Tutte queste settimane in casa sembrano state giorni passati in una prigione ovattata di pensieri per ognuno di noi; nonostante questo so che anche tu, che stai leggendo in questo momento – anche se hai fatto di tutto per impegnare le tue giornate – ti è sembrato di buttar via oltre due mesi della tua vita, proprio come se questo 2020 fosse stato di dieci mesi, e quel che è peggio è che non possiamo nemmeno avere la certezza che questi due mesi di lockdown siano bastati. Tuttavia, vi prego, di non abbandonare la forza di volontà, essenziale per ripartire, e da questo Lunedì ripartite con il massimo delle capacità e non permettete più a nessuno ne a voi stessi di sprecare la vostra vita!

“Sprecare la vita” di Charles Bukowski ci mette in guardia da un pericolo reale e spesso sottovalutato. Lamentarsi di continuo, sbraitare e pensare sempre a criticare qualcuno o qualcosa non fa solo male alla salute ci porta proprio a sprecare la vita. Il Buddha citato nella poesia rappresenta la calma e la capacità di mantenere l'equilibrio interiore, due risorse fondamentali per evitare di sprecare una giornata dietro l'altra lamentandosi di continuo.
  
Buon weekend e Buona Luce.
Phil


Sprecare la vita
CHARLES BUKOWSKI
Lamentele infime e triviali,
costantemente ripetute,
possono far ammattire un santo,
per tacere di un bravo ragazzo
qualunque (me)
e il peggio è che chi
si lamenta
nemmeno si accorge di farlo
a meno che non glielo dici
e perfino se glielo dici
non ci crede.
E così non si conclude
niente
ed è solo un altro giorno
sprecato,
preso a calci,
mutilato
mentre il Buddha
siede nell'angolo
e sorride.

ISTITUTO SECOLI SOTTOSCRIVE L'APPELLO DI ALMA VOLTO ALLA RIAPERTURA DELLE ATTIVITA' SCOLASTICHE


Tornare ad insegnare il prima possibile in totale rispetto delle norme di sicurezza. 20 prestigiose Accademie di Arte & Mestiere italiane lanciano un importante appello alle Istituzioni nazionali affinché, nel panorama generale dell’Istruzione, si valuti la sostanziale specificità di queste realtà di alta formazione, grande patrimonio di cultura e di imprenditoria. 

28 aprile, 2020 Sono oltre 20 le realtà formative di eccellenza nel campo dell'artigianato, della manifattura e dell'ospitalità in Italia che hanno sottoscritto l'appello promosso da ALMA - La Scuola Internazionale di Cucina Italiana - volto a sensibilizzare le Istituzioni sulla necessità di adottare delle misure specifiche in merito alla riapertura della propria attività didattica. 

Come indicato nell’Appello: “Siamo ovviamente consci del bene supremo della Salute Pubblica e siamo altresì preparati ad agire nel massimo rispetto delle norme igienico sanitarie che verranno imposte. Tuttavia non possiamo esimerci da far sentire la nostra voce e lanciare questo messaggio. Pur rendendoci conto delle esigenze dettate dall'emergenza, siamo infatti fortemente preoccupati che l’orientamento prevalente sia quello di riaprire in blocco il settore scuola a settembre. Questa prospettiva per realtà come le nostre, che in gran parte sono costituite da imprese private, rappresenterebbe un danno gravissimo”. 

Ciò che viene chiesto all’interno della lettera inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ai Ministeri competenti, è di optare per un distinguo in termini di riapertura tra le scuole di ogni ordine e grado, i master e le strutture che possano eventualmente erogare in ogni caso la loro formazione anche online e le realtà come le accademie il cui impianto didattico si regge in massima parte su attività di tipo laboratoriale. 

Il messaggio è stato veicolato con il prestigioso sostegno della Fondazione Cologni, realtà sostenitrice dell’alto artigianato e promotrice con ALMA del MAM - Maestro di Arte & Mestiere, il più importante riconoscimento italiano per i professionisti che hanno la missione di tramandare il sapere artistico e artigianale d’eccellenza del nostro Paese. 

Di seguito sono riportate le Scuole di alta formazione che hanno sottoscritto l’iniziativa e la loro area di competenza. 

1. ALMA La Scuola Internazionale di Cucina Italiana - Ospitalità - Colorno (PR)

2. Academia Cremonensis - Liuteria - Cremona

3. Accademia Nazionale dei Sartori - Sartoria - Roma

4. Accademia Teatro alla Scala - Mestieri dello spettacolo - Milano

5. Arsutoria School - Calzatura e pelletteria - Milano

6. Fondazione ForModa - Sartoria - Pescara

7. Galdus Accademia Orafa - Oreficeria - Milano

8. Istituto Secoli Moda e Sartoria - Milano

9. LAO Le Arti Orafe – Oreficeria - Firenze

10. Palazzo Spinelli - Restauro - Firenze

11. Politecnico Calzaturiero - Calzatura e pelletteria - Capriccio di Vigonza (PD)

12. Sacred Art School - Arte sacra - Firenze

13. Scuola del Cuoio Firenze - Pelletteria - Firenze

14. Scuola del Vetro Abate Zanetti - Vetro - Murano (VE) 15. Scuola Mosaicisti del Friuli - Mosaico - Spilimbergo (PN)

16. Scuola Orafa Ambrosiana - Oreficeria - Milano

17. SIAM 1838 - Sartoria - Milano

18. TADS - Tarì Design School - Oreficeria - Marcianise (CE)

19. Associazione Villa Fabris Centro Europeo dei Mestieri del Patrimonio - Thiene (VI)

20. MAC Mestieri d’Arte Contemporanei - Biella 

Sostengono questo appello anche: 

• CAST Alimenti 

• Intrecci - Alta Formazione di Sala 

Si veda l’altro allegato “Appello Scuole Arte e Mestieri” per leggere il testo integrale dell’Appello inviato: 

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO - Signor Presidente/Onorevole Giuseppe Conte 

MINISTERO DELLA SALUTE - Ministro Onorevole Roberto Speranza 

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA - Ministra Onorevole Lucia Azzolina 

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - Ministro Onorevole Stefano Patuanelli 

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI E PER IL TURISMO - Ministro Onorevole Dario Franceschini 

--------------------

Giacomo Bullo - Press office ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana


A POETRY PER WEEK - #9

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO E 22 SECONDI

Come per ogni settimana arriva il nostro appuntamento con il piccolo salotto letterale di Phil.

Oggi parliamo di uno scrittore, poeta, aforista, filosofo e pittore tedesco naturalizzato svizzero, insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1946: Hermann Hesse.
“Felicità” è la poesia scelta oggi per voi! Questa poesia è straordinaria, non tanto per lo stile poetico o per com’è stata scritta, ma per il messaggio che manda.

Hermann Hesse qui ci dice senza mezzi termini e senza neppure velate metafore come arriva la felicità. Nessuna ricerca, nessun piano, nè stile di vita particolare. La felicità non è un qualcosa da raggiungere con un piano prestabilito e non possiamo neppure trovare una strada per raggiungerla. La felicità si ottiene quando si smette di cercarla e, allo stesso tempo, quando non bramiamo nulla.

La felicità non si crea con il denaro, i successi, l'ammirazione altrui. Viene da dentro di noi, indipendentemente da ciò che accade all'esterno e può essere raggiunta solo quando siamo già riusciti a essere indipendenti e a nostro agio con noi stessi.

Vi auguro un felice weekend amati lettori!
Buon lettura e Buona Luce.
Phil


Felicità
HERMANN HESSE
Fin quando dai la caccia alla felicità,
non sei maturo per essere felice,
anche se quello che più ami è già tuo.

Fin quando ti lamenti del perduto
ed hai solo mete e nessuna quiete,
non conosci ancora cos’è pace.

Solo quando rinunci ad ogni desiderio
e non conosci né meta né brama
e non chiami per nome la felicità,

Allora le onde dell’accadere non ti raggiungono più
e il tuo cuore e la tua anima hanno pace.

A POETRY PER WEEK - #8

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO E 20 SECONDI

Come per ogni settimana arriva il nostro appuntamento con il piccolo salotto letterale di Phil.

Se parlo di Myricae, sicuramente, vi verrà penserete ad un solo nome: Giovanni Pascoli; è stato un poeta, accademico e critico letterario italiano, figura emblematica della letteratura italiana di fine Ottocento, considerato insieme a Gabriele D'Annunzio, il maggior poeta decadente italiano, nonostante la sua formazione eminentemente positivista.

Stiamo vivendo un periodo di quarantena obbligatoria e in questo tragico momento storico dovuto dal Contagio da Coronavirus sono sicuro che il pensiero di tutti noi va al mare!

“Mare” è la poesia scelta oggi per voi!
Buon weekend e Buona Luce.
Phil


Mare
GIOVANNI PASCOLI
M'affaccio alla finestra, e vedo il mare:
vanno le stelle, tremolano l'onde.
Vedo stelle passare, onde passare:
un guizzo chiama, un palpito risponde.

Ecco sospira l'acqua, alita il vento:
sul mare è apparso un bel ponte d'argento.

Ponte gettato sui laghi sereni,
per chi dunque sei fatto e dove meni?

MARRAKESH