A POETRY PER WEEK - #1

TEMPO DI LETTURA: 3 MINUTI
Image result for emily dickinson i could not stop for death traduzione
Oggi inauguro ufficialmente la rubrica una poesia a settimana. Credo che pubblicherò anche qualche testo di mio pugno, in quanto ho sempre amato scrivere delle note (sopratutto in viaggio) per poterle condividere ma non credo di esserne all'altezza, forse con il passare del tempo condividerò anche i miei scritti!; in ogni caso per cominciare bene questo nuovo "salotto letterale" a cura di Phil by Filippo Fattoruso riporterò - per ora - solo opere di grandi poeti o poetesse, autori o autrici; 

Oggi ho scelto:


Because I could not stop for Death (1863)
EMILY DICKINSON - 1830-1886

Because I could not stop for Death – 
He kindly stopped for me –
The Carriage held but just Ourselves –
And Immortality.

We slowly drove – He knew no haste
And I had put away
My labor and my leisure too,
For His Civility – 

We passed the School, where Children strove
At Recess – in the Ring –
We passed the Fields of Gazing Grain –
We passed the Setting Sun – 

Or rather – He passed us –
The Dews drew quivering and chill –
For only Gossamer, my Gown –
My Tippet – only Tulle – 

We paused before a House that seemed
A Swelling of the Ground –
The Roof was scarcely visible –
The Cornice – in the Ground – 

Since then – 'tis Centuries – and yet
Feels shorter than the Day
I first surmised the Horses' Heads
Were toward Eternity –

Traduzione:


Poiché non potevo fermarmi per la Morte (1863)
EMILY DICKINSON - 1830-1886

Poiché non potevo fermarmi per la Morte -
Lei gentilmente si fermò per me -
La Carrozza non portava che Noi Due -
E l'Immortalità. -

Procedemmo lentamente - non aveva fretta
Ed io avevo messo via
Il mio lavoro e il mio tempo libero anche,
Per la Sua Cortesia -

Oltrepassammo la Scuola, dove i Bambini si battevano
Nell'Intervallo - in Cerchio -
Oltrepassammo Campi di Grano che ci Fissava -
Oltrepassammo il Sole Calante -

O piuttosto - Lui oltrepassò Noi -
La Rugiada si posò rabbrividente e Gelida -
Perché solo di Garza, la mia Veste -
La mia Stola - solo Tulle -

Sostammo davanti a una Casa che sembrava
Un Rigonfiamento del Terreno -
Il Tetto era a malapena visibile -
Il Cornicione - nel Terreno -

Da allora - sono Secoli - eppure
Li avverto più brevi del Giorno
In cui da subito intuii che le Teste dei Cavalli
Andavano verso l'Eternità -

Nessun commento:

Posta un commento

MARRAKESH